Milazzo

Milazzo è un comune di 32.550 abitanti in provincia di Messina.Questa città offre il meglio di sé nella stagione balneare: la città, essendo posta su un golfo possiede due spiagge, una ciottolosa (a ponente) e una sabbiosa (a levante).

È inoltre il punto di partenza per tutti i collegamenti con le Isole Eolie, attraverso un servizio di aliscafi e traghetti.Storia Dalla colonizzazione greca all'Impero Romano La presenza di insediamenti urbani nel territorio di Milazzo, lasciano presupporre che la presenza dell'uomo in questa porzione di Sicilia sia riconducibile al periodo neolitico.Milazzo fu fondata dagli abitanti di Zancle, l'odierna Messina, perché l'importanza della pólis risiedeva nella collocazione strategica sullo Stretto ed era serrata tra il mare e il monte: dunque ciò condizionava il suo sviluppo territoriale. Gli Zanclei fondarono una sub-colonia in una penisola e promontorio, tutto proteso verso l'arcipelago delle Isole Eolie: Mýlai, chiamata dai Romani Mylæ e,poi, dagli Arabi Melaz, quindi Milazzo.L'acropoli sorgeva sulla collina, dove oggi è situato il castello medioevale, il centro abitato ai piedi e lungo la collina, dove oggi si trova il Borgo Antico, il centro storico, e la necropoli sull'istmo che delimita il promontorio, dove c'è il centro abitato odierno.Milazzo fu innanzitutto un importante centro mercantile e portuale dell'isola, soprattutto per la prossimità con le Isole Eolie e con i Fenicio-cartaginesi della zona occidentale della Sicilia. Infatti, durante la prima guerra punica fu combattuta la famosa battaglia navale (260 a.C.) che sbaragliò definitivamente i Cartaginesi e il loro predominio sul mare, guidata dal comandante Caio Duilio, e che fece dare al mar Tirreno l'appellativo di «Mare nostrum».Cassio Dione narra che negli anni del triumvirato romano, le acque del promontorio di Milazzo furono teatro di una delle più sanguinose battaglie navali che posero di fronte la flotta di Sesto Pompeo, guidata da Democare, a quella appena varata a Porto Giulio (in prossimità di Napoli oggi conosciuto come Lago Patria) di Ottaviano Augusto, guidata da Marco Vipsiano Agrippa. L'epica battaglia, vinta dalla flotta di quest'ultimo, riconsegnò la Sicilia ai romani; Ottaviano Augusto assegnò a Milazzo l'aquila romana, attuale simbolo della città, che riporta la scritta: «Aquila mari imposita Sexto Pompeio superato».Il MedioevoI primi, dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente (476 d.C.), a insediarsi a Milazzo furono gli Arabi saraceni, provenienti dal sud della Sicilia e dal Nordafrica (Tunisia, Libia) nel VIII secolo d.C., edificando ciò che sarà, in seguito, il primo nucleo del Castello, il Mastio, con la tipica decorazione a spina di pesce, la pietra lavica agli angoli e spigoli dei muri e delle aperture, e gli archi a ogiva delle porte, e all'interno con una piccola moschea: infatti ancora oggi è possibile vedere il mihrab,la nicchia che indicava la direzione di La Mecca.Gli Arabi, inoltre, diedero per primi il simbolo di Milazzo, non l'aquila, attinta dal patrimonio romano, ma lo Scarabeo. Su un muro di cinta è disegnato in pietra lavica uno scarabeo, le cui ali sono occhi. Non si conosce con certezza il significato, ma si è supposto a una funzione mistico-religiosa (forse gli occhi di Dio) o a una funzione apotropaica, oppure a una sorta di calendario giornaliero; infatti, la penisola è perfettamente rivolta a Nord, mentre le ali-occhi sono rivolti uno perfettamente a Oriente e l'altro a Occidente, così da sembrare un "memento" delle fasi giornaliere.Molti scrittori arabi, anche posteriori, rimasero sempre incantati dalla bellezza del paesaggio. Il poeta, geografo, storico della corte di Ruggero II d'Altavilla, Idrisi o Eidrisi, scrisse in un reportage commissionatogli direttamente dal re, che «non esiste terra né paese più bello ed emozionante di Milazzo».Infine, venne a Milazzo l'imperatore Federico II di Svevia, che vi pose una sede militare ampliando e cingendo con una cinta muraria il mastio, seguendo, però, lo stile arabo, con la pietra lavica e gli archi a ogiva, e che scrisse in una lettera che a Milazzo egli avrebbe dato vita alla sua "creatura": qui Federico II creò il suo parco personale di caccia, che ancora oggi prende il nome, appunto, di "Parco", una frazione del Comune di Milazzo.I monumenti più importanti sono il castello (sette cinte murarie) e l' antica cattedrale, che sorge all'interno delle sue mura. Intorno a questi due monumenti si è sviluppata l'antica città, oggi comunemente chiamata il borgo antico.Milazzo fa parte del circuito dei Borghi Marinari, una associazione che ha lo scopo di favorire le capacità di internazionalizzazione della cultura dei comuni aderenti evidenziandone gli elementi di maggior pregio, il patrimonio naturale e storico-culturale e le tradizioni enogastronomiche promuovendone le opportunità turistiche sia presso gli addetti ai lavori che presso gli utenti finali.È anche associata all'Associazione Nazionale Città del Vino. L'Associazione opera per la promozione e la valorizzazione delle risorse ambientali, paesaggistiche, artistiche, storiche e turistiche dei territori del vino compresi nei Comuni che aderiscono, coadiuvandoli nel favorire il loro sviluppo economico e sociale.

Fonte:Wikipedia

Realizzazione sito web Synthetic Lab